EDITORIALE NUMERO 36

Quando l’Egitto era un FarWest

Si faceva chiamare Sansone Patagonico e con la sua altezza di due metri e la sua forza smisurata si esibiva nei circhi inglesi portando sulle spalle una piramide umana di dieci persone. Una piramide profetica, perché il padovano Giovanni Battista Belzoni, dopo una lunga serie di peripezie per il mondo, approdò al Cairo e si

Vedi dettagli »

EDITORIALE NUMERO 35

Storia e fantastoria sulla Sistina

Facciamo un po’ di fantastoria, e fantastoria dell’arte. Quando papa Sisto IV avviò il progetto di decorazione della Cappella Palatina, che invece avrebbe poi preso il nome del pontefice, l’opera avrebbe dovuto fare a meno dei due massimi – secondo molti – artisti italiani, Leonardo e Michelangelo: nel primo

Vedi dettagli »

EDITORIALE NUMERO 34

Perchè proprio loro?

Certamente, è strana la vicenda di un villaggetto sul Tevere, fondato molto più tardi di altri insediamenti italici, nel periodo in cui per esempio la Magna Grecia già si popolava di coloni ellenici con alle spalle un millennio di storia e di sviluppo, il quale finisce piano piano per conquistare tutta l’Italia, poi

Vedi dettagli »

EDITORIALE NUMERO 33

Il consulente finanziario del Seicento

Era il 1609 quando ad Amsterdam aprì i battenti la prima Borsa della storia. Un’istituzione che fino a poco tempo fa, se non si avevano interessi finanziari e speculativi, si poteva ignorare nella maggior parte dei casi e che invece ora è diventata l’oracolo che predice quotidianamente il futuro di tutti noi. Una Pizia

Vedi dettagli »
Vuoi essere sempre informato sulle iniziative di Storica? iscriviti subito